Nel seguente articolo viene proposto un breve riassunto delle nostre ultime scoperte: 

Non ci sarà un seconda possibilità: è possibile che la Terra esploda a causa del surriscaldamento del pianeta?

Articolo presentato in data 8 aprile 2001, 
scritto da Dr Tom J. Chalko, MSc, PhD, 
responsabile del dipartimento di geofisica, Scientific E Research P/L, Melbourne, Australia

English,Arabo, Bulgaro, Svedese, Tedesco, Ungherese, Spagnolo, Italiano, Francese, Russo, Portoghese, Cinese, Greco, Lituano, Croato, Sloveno, Ebraico,Japanese,Korean,Polish

Riassunto: 

Le conseguenze del surriscaldamento del pianeta sono molto più gravi di quanto si fosse immaginato. Queste conseguenze sono strettamente legate alle caratteristiche del "nucleo"del pianeta scoperte di recente.

Decenni di rilevamenti sismici hanno cofermato il fatto che il nucleo della Terra è un corpo solido di circa 1220 km di raggio e di forma quasi sferica situato al centro del pianeta.  La teoria più accreditata a proposito è quella secondo la quale questo corpo solido è cresciuto lentamente  fino alle sue dimensioni attuali come conseguenza della "cristallizzazione" dello strato liquido che lo circonda. A
quanto pare la spiegazione di come il nucleo genera calore si trova nel "calore latente" di questa "cristallizzazione".

Questo articolo analizza le condizioni dell’equilibrio idrogravitazionale del nucleo terrestre e fornisce una prova scientifica  di come le dimensioni e il peso del nucleo terrestre non possano diminuire al di sotto di un livello minimo, in quanto il nucleo non sarebbe più in grado di rimanere al centro del pianeta.

Poiché solo in passato il nucleo terrestre può essere stato più grande e pesante di quanto lo sia ora, non può essere il risultato di nessuna "cristallizzazione". Questa semplice deduzione ha conseguenze incredibili. 

Immaginate un oggetto gigantesco di 1220 km di raggio che lentamente diventa più piccolo e leggero e che genera calore per milioni di anni. Cosa può essere? Solo un oggetto che genera calore per mezzo della caduta di particelle nucleari. 

La conseguenza principale di questo fenomeno si deve al fatto che tutto il calore generato all’interno della Terra è di origine radionica. In altre parole, la Terra può essere considerata come un reattore nucleare alimentato sia da fissioni spontanee di vari isotopi  all’interno del nucleo pesantissimo, sia dalla caduta di altri isotopi nel mantello e nella crosta.

La vita sulla Terra è possibile solamente grazie al sistema di raffreddamento di questo reattore, un processo che è controllato principalmente dall’atmosfera. Attualmente tale sistema controlla un delicato equilibrio termico tra il calore del nucleo, quello solare e quello delle radiazioni nello spazio. In questo modo la temperatura media del pianeta si aggira intorno ai 13 gradi centigradi.

Questo articolo considera la possibilità dello "scioglimento" del nucleo terrestre dovuto alle ridotte capacità di raffreddamento dell’atmosfera che trattiene sempre più calore solare a causa dell’ l’effetto serra. Inoltre, vengono considerati fattori che possono accelerare tale processo quali l’aumento dell’attività solare in concomitanza con le emissioni dei gas serra.

La conseguenza più grave di tale "scioglimento" potrebbe essere la separazione basata sull’assetto gravitazionale di isotopi instabili nel nucleo. Tale separazione può "arricchire" il carburante nucleare all’interno del nucleo al punto da generare una reazione a catena e un’esplosione atomica. È possibile che la Terra diventi un’altra "cintura d’asteroidi" nel sistema solare?

Si sa che il calore solare è il principale fattore che determina le temperature sulla superficie terrestre. Tuttavia nelle regioni polari l’influenza del calore solare è minima ed è proprio qui che sono evidenti gli effetti del calore che proviene dall’interno nel pianeta. L’aumento delle temperature dei mari artici e lo sciogliemento delle calotte polari sono i primi sintomi che indicano un surriscaldamento del nucleo del pianeta.

Mentre i politici e gli uomini d’affari continuano a discutere sull’esigenza di ridurre i gas serra e a rifuitarsi di accettare ogni responsabilità,

il processo di surriscaldamento del nucleo è già cominciato; I mari artici stanno diventando sempre più caldi e le calotte polari si stanno sciogliendo. Abbiamo abbastanza immaginazione, intelligenza e integrità morale da renderci conto del problema prima che la situazione diventi irreversibile?Click here for a list of active volcanoes

Non ci sarà una SECONDA POSSIBILITÀ…

Quanti gradi mancano prima che "il nucleo" raggiunga la sua temperatura di fusione? Abbiamo conoscenze sufficienti per stabilire l’intesità dell’attività solare nel prossimo decennio?

Volcanoes become active and erupt violently not because the Earth's interior "crystallizes" as it is currently believed, but because the planetary nucleus is a nuclear fission reactor that needs COOLING.

Noi non siamo la prima "civiltà" sulla Terra ad essere estinta per la sua mancata conoscenza della Natura. Saremo forse l’ULTIMA? Chi abusa della Natura merita di esistere?

"La prova: se l’intelletto non vuole o non è in grado di capire l’analisi, nessuna prova è possibile" [La Libertà di Scelta]

Questo riassunto può essere distribuito liberamente a condizione che il suo contenuto non venga rimosso o alterato in alcun modo. Continueremo a fare ricerche e a pubblicarle. Voi potete iniziare a darci una mano spedendo questo riassunto come forward a tutti i vostri amici e a chiunque abbia abbastanza buon senso da capire il contenuto di questo articolo. L’unica possibiltà che abbiamo è quella di informare le persone di tutto il mondo affinché coscientemente e in modo intelligente possano SCEGLIERE ed ESIGERE l’azione dei "leader" che hanno eletto. Credere non è abbastanza. Le persone hanno bisogno di SAPERE.


Il testo completo di questo articolo è pubblicato nel NU Journal of Discovery online che (a differenza di altri giornali) è accessibile gratuitamente e senza limitazioni.

Per ulteriori informazioni

Dr Tom J Chalko

Dr Thomas J. Chalko MSc, PhD
email: tjc@sci-e-research.com
Fax: +61 5681 6361
945 Gunyah Rd, Mt Best,
Vic 3960, Australia

© Scientific Engineering Research P/L 2000, All rights reserved